Home > Salute e benessere > Rimedi naturali e integratori > Cannella: 7 fantastiche proprietà per l’organismo

Cannella: 7 fantastiche proprietà per l’organismo

Come dire di no a una bella spolverata di cannella su una fetta di strudel alle mele o in un frullato alla banana? Il sapore avvolgente di questa spezia originaria del sud-est asiatico trasforma un piatto delizioso in un piatto straordinario, con quel retrogusto inebriante che è un vero e proprio piacere per il palato. Adatta tanto con il dolce come con il salato, oltre a essere una prelibatezza in cucina è anche una fonte di proprietà benefiche per l’organismo. Quali? Leggete fino in fondo questo articolo e la cannella non mancherà mai nella vostra cucina.

cannella

Le proprietà terapeutiche della cannella

Antibatterico naturale

Usata originariamente dagli antichi Egizi per l’imbalsamazione dei corpi, la cannella vanta proprietà antisettiche che contrastano la proliferazione di batteri e funghi, causa ad esempio di nausea, bruciori allo stomaco o fastidi intimi come la candida. È inoltre alleata delle vie respiratorie, essendo un efficace rimedio contro influenza, mal di gola e raffreddore. L’ideale in quest’ultimo caso è una tisana a base di cannella con aggiunta di zenzero e miele, che potenziano l’effetto antibatterico sciogliendo il muco e alleviando l’infiammazione.

tisana

Aiuta la digestione

Oltre a essere un disinfettante intestinale, la cannella è un valido alleato contro vari disturbi connessi alla digestione come inappetenza, debolezza e affaticamento. Questa sua proprietà si deve all’alto contenuto in fibra alimentare, integrata da preziosi minerali come calcio, manganese e ferro. Contribuendo al processo di scissione dei lipidi grazie alla stimolazione dell’enzima tripsina, la cannella facilita il transito intestinale e aiuta a placare la flautolenza e ad alleviare il senso di gonfiore allo stomaco.

Abbassa la glicemia  

I polifenoli contenuti nella cannella stimolano i recettori dell’ormone insulina, che funziona come regolatore degli zuccheri nel sangue. Consumandone 2 grammi circa ogni giorno, a pranzo e a cena, è possibile rallentare il processo di svuotamento gastrico e di conseguenza limitare l’aumento di glucosio che si produce dopo i pasti. La cannella, infatti, interagisce con gli zuccheri introdotti con gli alimenti e ne riduce l’assorbimento nel sangue. È inoltre in grado di abbassare i trigliceridi e il colesterolo cattivo LDL, con notevoli benefici per chi soffre di diabete o malattie cardiovascolari.

Riduce lo stress

Per quanto si consumi sotto forma di polvere, la cannella contribuisce a dare un senso di sazietà. Aiuta pertanto contro la fame nervosa che spesso è la causa di repentini cambi di peso. Ideale per chi è a dieta, si sposa alla grande con lo yogurt o le mele al forno. L’infuso di cannella e zenzero, oltre ad avere proprietà antibatteriche, è perfetto anche per chi vuole dimagrire, grazie al suo potere brucia-grassi.

Potere antiossidante

La cannella migliora la saluta delle articolazioni e per questo risulta essere un efficace rimedio naturale per prevenire le varie forme di artrosi. Combinata con il miele formerebbe un vero e proprio mix di benessere capace di alleviare giorno dopo giorno i disturbi dolorosi provocati da questa malattia.

Amica delle donne

Per le donne che soffrono molto durante il ciclo, un cucchiaino di cannella in una tazza di acqua calda aiuta a dare sollievo dai dolori mestruali. Questa spezia, inoltre, contiene una sostanza organica, chiamata aldeide cinnamica, che aiuterebbe a combattere l’infertilità stimolando la produzione dell’ormone progesterone e diminuendo la produzione dell’ormone testosterone. Agirebbe, quindi, come un regolatore ormonale naturale.

Potenziale anticancro

Secondo degli studi condotti da ricercatori americani, l’estratto sarebbe capace di prevenire e combattere i focolai cancerogeni interferendo con la proteina che permette alle cellule tumorali di attingere sostanze nutritive dal sangue e di conseguenza nascere o svilupparsi.

Controindicazioni della cannella

Nonostante le indubbie proprietà benefiche apportate dalla cannella, non bisogna sottovalutare gli eventuali effetti indesiderati legati per lo più a un suo uso eccessivo. La spezia, infatti, contiene un composto chiamato cumarina che se assunto in modo esagerato potrebbe risultare tossico a livello di fegato e reni. Si sconsiglia, inoltre, il suo consumo in gravidanza, dal momento che, come segnalato da un Bollettino di Farmacovigilanza del Ministero della Salute, potrebbe compromettere lo sviluppo del feto.

 

Articoli interessanti

Top