Home > Alimentazione > Ricette > Cavolo viola: 7 ricette per tutti i gusti

Cavolo viola: 7 ricette per tutti i gusti

Di ricette col cavolo viola – conosciuto anche come cavolo cappuccio – ne esistono davvero un’infinità, spaziando trasversalmente dai primi piatti ai secondi, freddi o caldi, tanto che si è imposto come ingrediente indispensabile nella dieta di vegani e vegetariani. Questo non esclude che anche gli onnivori, ovviamente, possano godere appieno dei benefici di tale ortaggio, famoso anche per la sua versatilità in cucina. Ecco dunque sette gustose ricette a base di cavolo viola, capaci di conquistare anche i palati più esigenti!

Cavolo viola
Ricette a base di cavolo viola, anche conosciuto come cavolo cappuccio viola

Primi piatti a base di cavolo viola: risotto

Per preparare un ottimo risotto a base di cavolo viola, prepariamo innanzitutto un delizioso soffritto utilizzando un piccolo cavolo cappuccio, una cipolla e un filo d’olio; una volta dorato, aggiungiamo circa 300 g di riso – o di più, se ci sembra poco. Dopo averlo fatto tostare qualche minuto, sfumiamo con 1 bicchiere di vino bianco e saliamo a piacere. A questo punto, procediamo versando, a più riprese, del brodo vegetale precedentemente preparato (un litro e mezzo la dose consigliata) e lasciamo cuocere fino ad ultimare la cottura, girando di tanto in tanto.

Spaghetti al cavolo cappuccio

Un altro primo piatto gustoso che vale la pena cucinare richiede la preparazione, in un tegame, di un leggero soffritto composto da olio, 1 cavolo viola tagliato a listarelle e 1 spicchio d’aglio. Dopo una leggera doratura, sbricioliamo un dado vegetale da brodo e lasciamo cuocere, a fiamma bassa, per circa 20 minuti; a fine cottura saliamo e pepiamo. Gli spaghetti, dopo una cottura in acqua e sale, andranno mantecati insieme al preparato.

Cavolo viola, secondi piatti: vellutata

Un’ottimo secondo piatto facile da preparare è la vellutata di cavolo viola e patate. Partiamo tagliando a tocchetti 300 g di cavolo viola e 150 g di patate, da porre in una pentola insieme a mezzo litro di brodo vegetale; lasciamo bollire per almeno 3o minuti. A cottura ultimata, formiamo la vellutata frullando il tutto con un frullatore ad immersione.

Insalata di cavolo viola

Una perfetta insalata da gustare fredda nelle serate d’autunno si prepara tagliando a listarelle un piccolo cavolo cappuccio, a cui aggiungere due arance – o più mandarini, in alternativa – in pezzi, e una mela tagliata a tocchetti. Dopo aver ben sciacquato i singoli ingredienti, mescoliamoli insieme in un’insalatiera, e aggiungiamo, a piacere, qualche noce sgusciata.

Sformato di cavolo cappuccio

Per realizzare uno sformato di cavolo viola, cominciamo bollendone uno, sfogliato, per qualche minuto in acqua salata; tiriamolo su e lasciamolo asciugare su fogli di carta assorbente. Con questo, foderiamo uno stampo capiente. A parte, lessiamo 800 g di patate, schiacciamole e aggiungiamoci un filo d’olio e spezie a piacere; facciamole aderire nello stampo alle foglie del cavolo, così da creare un guscio. Versiamo all’interno del formaggio morbido e chiudiamo con le patate restanti. Completiamo con un ultimo strato di cavolo viola, e informiamo a 200° per 35 minuti circa.

Cavolo viola al vino

Dopo aver opportunamente soffritto una cipolla in un filo d’olio, versiamo dentro un cavolo viola tagliato a listarelle e una mela intera – sbucciata – tagliata a tocchetti. Saliamo, pepiamo, bagniamo con due bicchieri di vino rosso e lasciamo cuocere a fuoco lento, per circa 45 minuti. Una volta pronto, il cavolo viola al vino è perfetto come contorno.

Cavolo dolce

Chiudiamo la lista proponendovi la ricetta a base di cavolo cappuccio con miele e mirtilli, da preparare facendo soffriggere una cipolla, e aggiungendo una mela sbucciata tagliata a cubetti. Una volta ammorbidita quest’ultima, versiamo il cavolo viola a pezzettini e lasciamo cuocere per 15 minuti. A parte, sciogliamo 1 cucchiaio di zucchero di canna in 3 cucchiai di aceto di vino bianco, da unire poi in padella. Saliamo, pepiamo, aggiungiamo 80 g di mirtilli disidratati e lasciamo cuocere, a fuoco lento, per altri 15 minuti.

 

Articoli interessanti

Top